Formation Day

Apri su PC o tablet – sezione non ottimizzata per smartphone

Chi ha smesso di imparare …. ha smesso di Vivere!

Siamo coscienti che ogni persona “in relazione al proprio vissuto” ha una propria sapienza. E’ importante capirci sin da subito che in questo contenuto non si vuole trasmettere “il sapere” ma tecniche è strategie per fare bene questa Attività – NICE.

Oggi troviamo titolari di aziende con una discreta informazione su tecniche e strategie di vendite, semplicemente perché hanno fatto scelte commerciali, perché si sono relazionati con dei venditori, perché hanno partecipato a Breaking e meeting aziendali…..

Quanto di seguito non è da leggere, va studiato con dedizione e fatto proprio; in questo contenuto ci sono elementi che sono propulsori per farci domande, ottenere stimoli, crescere e guadagnare per dare una svolta alla nostra vita.

Non avere fretta la formazione apre tutte le porte.

Protagonisti! 

Viviamo in un palcoscenico dove tutti vogliono essere protagonisti e non semplici spettatori,

  • Il nostro Cliente
  • I nostri colleghi
  • Noi

Alcune scuole di pensiero pensano che la competizione sia il metodo per produrre di più

Spesso la competizione nasconde il volto della delusione e del fallimento per scoraggiamento

Ciò che fa crescere e migliorarsi è raggiungere un’obbiettivo dopo l’altro fino alla grande meta è la consapevolezza di poterlo fare e per fare serve la formazione specifica; pensate ad un Grande Medico oppure ad un grande professionista, spesso se guardate dietro troverete un grande percorso di studio e di sperimentazione, spesso queste caratteristiche li trovate in Persone adulte, oltre i 65/70 anni;

Oggi se dedichiamo questo tempo per avere Successo quando ci godiamo ciò che abbiamo realizzato?

Perché formarsi? 

Conoscenza, Passione ed Entusiasmo servono a costruire Credibilità. La Credibilità è alla base della Fiducia che il Cliente o le Persone attorno a noi ripongono in chi propone un prodotto o un’idea.

Per cui siate degli ottimi PROTAGONISTI, facendo sentire Protagonista il vostro Cliente/Collaboratore.

Il Successo

Oggi tante persone inseguono il successo…

Ma sanno cosa stanno cercando?

E’ possibile che hanno già raggiunto il Successo e più semplicemente lo attribuiscono a qualcosa di materiale?

Prima di procedere in questo studio e’ giusto darvi una spiegazione della parola Successo

La chiave del Successo

Un noto Americano cercò di scoprire se esisteva un metodo “una chiave” da poter usare per realizzare il Successo; ebbene dopo 17 anni di studio e ricerche su Filosofi, Persone di Successo, Conquistatori ed altri, la trovò!

La chiave è la seguente: Noi diventiamo quello che pensiamo di diventare, ecco perché il Successo non è una questione di fortuna anzi è ben lungi da questo.

George Bernard Shaw “Scrittore e Filosofo Irlandese” disse: Le Persone Diventano ciò che hanno nella loro mente di Diventare, a questa filosofia si sono aggiunti nei tempi tantissimi altri filosofi e persone di successo, per cui in definitiva:

  • Il Fallimento è l’incapacità per un soggetto di raggiungere le proprie mete, qualunque esse siano.
  • Il Successo è la realizzazione progressiva di un valido ideale.

All’inizio di ogni attività il Successo o il fallimento, più che ad ogni altra cosa, sono legati al Nostro Atteggiamento Mentale. Non è infatti il territorio ad incidere sul giro d’affari, viviamo in tempo dove tutti hanno le stesse potenzialità. Ma sono la Diligenza, l’Umiltà, la Capacità di apprendimento e l’ API Atteggiamento Positivo Interiore a fare la differenza.

API nasce da una forte convinzione su ciò che facciamo, su quello che vogliamo, sul nostro scopo, sul nostro ruolo all’interno di Nice.

Questa piccola sigla API può essere involutiva e distruggere ciò che vogliamo o essere evolutiva portando dei risultati strabilianti di grande soddisfazione personale e professionale. Entrambe le soluzioni sono nella nostra mente e sta a noi portare fuori il meglio o il peggio. Qualcuno vede API come qualcosa che evolve con il fare attività o con l’esperienza…. No! API è dentro ognuno di noi; alcuni “causa circostanze poco positive lo hanno messo in cantina” altri lo hanno sempre a portata di mano, basta una notizia positiva o un evento ok ed ecco che  l’ API si rafforza.

Ciò spiega perché chi ha successo continua ad averne di di più e chi non ne ha continua ad averne sempre di meno

Significati di Esperienza:

  • La somma di quelle conoscenze che ci permettono di evitare errori.
  • La conoscenza, ovvero la capacità, ovvero ancora l’osservazione di una cosa, di un evento o di un fenomeno, quindi il suo corretto controllo ed una ottimale gestione.
  • Elemento fondamentale per raggiungere risultati desiderati, valida per una corretta e sicura gestione di un’ attività, si ottiene solo dopo anni di operatività, di obbiettivi riusciti, mancati o falliti.

La maggior parte dell’esperienza viene accumulata con l’avanzare del tempo. Il termine viene generalmente utilizzato in riferimento al cosiddetto know-how ovvero alla conoscenza procedurale, infatti il termine “esperienza” si allinea molto al concetto di esperimento.

Alcuni pensano che l’esperienza grossolanamente si acquista dopo il primo anno di attività, altri ancora pensano che dopo qualche mese il sapere è fatto, i così detti “tuttologi”.

Il destino commerciale di queste persone è affidato alla sorte; come una nave senza un comandante, la possibilità che raggiunga un porto dopo l’altro è affidato al caso o meglio alla fortuna.

I più Importanti Esperti in efficienza nel lavoro affermano che solo e soltanto un’azione dopo l’altra ti porta al tuo obiettivo, quale esso sia.

  • Spesso cadiamo nell’errore di pensare che fare esperienza non ha un costo
  • Alcune scuole di pensiero dimostrano che quello che non ha un costo economico si sottovaluta fino alla totale indifferenza
  • Maturare l’esperienza necessaria a volte occorre decenni “TEMPO” ed in un mercato in costante evoluzione come il nostro, non si ha questo tempo (sopratutto dall’avvento del web)

Time Management

Una gestione ben organizzata del tempo determina la consapevolezza immediata di dove stiamo andando e cosa stiamo facendo, riuscendo a prendere decisioni anche importanti in breve tempo

Diventare ordinariamente più efficienti e come camminare in una corsia preferenziale.

In Nice l’ Esperienza/conoscenza ti viene trasmessa gradualmente – sta a te farne tesoro, ricordando che il tempo ha un grande valore ed è una delle cose che non torna mai indietro.

Come ci vediamo? Come ci vede chi ci guarda? La giusta risposta sta nella formazione, quandfo sei preparato sei sempre un leone!

Il principio sul quale si basa una corretta gestione nell’ottica del Marketing è il seguente:

Buone Abitudini sono la chiave che portano al Successo, Cattive Abitudini sono la chiave che portano al Fallimento. Per cui COSTRUIREMO BUONE ABITUDINI e ci faremo guidare.

  1. Agire con sincerità nei confronti dei Colleghi, dei Clienti e dell’ Agenzia, se pensiamo di arricchirci deludendo o ingannando gli altri presto rimaniamo ingannati dal nostro stesso metodo. Gestiamo con sincerità tutto quello che facciamo e diciamo, così facendo senza accorgerci ci troveremo sulla strada del Successo.
  2. Perseverare, persistere fino al successo, interiorizzare solo le cose positive, non ascoltare mai coloro che si lamentano sempre e su tutto, perché sono come una malattia contagiosa che presto o tardi ti infetta. Come la goccia d’acqua scalfisce la roccia, cosi il picchettio negativo ci farà arrendere aprendo la strada al fallimento.
  3. Noi Siamo il più grande Prodigio della Natura, l’ Uomo è un essere molto evoluto e nulla è impossibile. Napoleone disse: Tutto ciò che la mente umana può immaginare l’Uomo lo può realizzare. Il nostro scopo è diventare abili nella dialettica, validi nel gestire affari e nei rapporti interpersonali, migliorare il nostro stato mentale, fisico e finanziario, per fare questo prima dobbiamo divenire abili nella nostra Attività.
  4. Vivere in Pienointraprendere rapporti con Entusiasmo, Empatia e Positività. Per aiutarvi a sviluppare in pieno questo punto Vi indico tre concetti fondamentali:
  1. Primo concetto: Vivere un giorno alla volta, può il fiore che deve sbocciare domani, sbocciare oggi, può la sabbia che deve fluire nella clessidra oggi fluire al posto di quella di ieri o di domani, può l’alba di domani sostituirsi a quella di oggi. Quale pretesa abbiamo Noi di fare le cose di domani o cercare di ovviare alle cose di ieri. La via del Successo in tutte le cose è di Vivere un giorno alla volta e svolgere un’azione alla volta. Vi potrà sembrare una banalità, ma se mettete in pratica questo concetto in modo cosciente, potrete aumentare la qualità del vostro operato del 50%.
  2. Secondo concetto: L’Atteggiamento interiore positivo -API- Molte persone riescono a vedere solo cose brutte (pensando di essere realisti) oppure a vivere eventi forti che li hanno segnati, costruendosi nel tempo, senza accorgersene, delle barriere limitanti. Abbiate una visione ottimista e siate positivi, cercate e troverete il bicchiere mezzo pieno; vi direte ma c’è un’altra metà vuota… No! semplicemente è da riempire! L’atteggiamento fa parte dalla nostra interiorità e non può essere cambiato dall’oggi al domani, ma se vi impegnerete ad iniziate un processo migliorativo allora ci riuscirete e vedrete che pian piano ogni cosa assume dei colori dolci, riuscirete a guardare ed a vedere l’orizzonte. L’atteggiamento positivo crea le circostanze volute cambiando le preospettive ed il risultato. API e il propulsore del nostro domani.
  3. Terzo concetto: Lista dei Sei Impegni, questa ricetta è stata creata in venti minuti e fu pagata 25.000 dollari, oggi io la regalo a Voi, la ricetta è la seguente:

Scrivete questa sera su un foglio di carta le sei cose più importanti che dovete fare domani. Poi li numerate in ordine di importanza; domattina per prima cosa tirate fuori il foglietto e cominciate a svolgere il compito numero uno, solo dopo passate al numero 2 e così via, non preoccupatevi se siete riusciti a svolgere solo uno o due dei punti, sappiate che se non li avete conclusi con questo metodo non li avreste conclusi in nessun altro modo. Il giorno dopo continuate sempre con lo stesso foglietto fino alla realizzazione dei sei punti e così via in modo che diventi sistematico.

Non stupitevi se vi dico che questo metodo vi rende la mente libera, vi permetterà una migliore gestione del tempo “time management” e porterà ordine nella vostra vita, perché quando diventerà un’abitudine questo metodo vi aiuterà a progredire verso la Vostra Meta, senza che ve ne rendiate conto; “atti di successo danno vita a giorni a mesi e anni di successo, che a loro volta creano una vita di successo”.

Il cardine è vivere un’ azione alla volta ed un giorno alla volta; applicate rigorosamente questo metodo per i prossimi trenta giorni e scoprirete la sua efficacia.

5. Padronanza delle Emozioni il clima cambia, la marea oggi è bassa domani alta, la semina precede la fioritura, la notte al giorno, così anche le nostre emozioni cambiano. Noi siamo il clima del del nostro stato d’animo e dobbiamo imparare a controllare e gestire le nostre Emozioni, le quali influenzano il nostro rapporto con gli altri e quindi i nostri risultati. Solo dopo che abbiamo imparato a capire e gestire le nostre emozioni abbiamo la capacità di capire le emozioni degli altri e quindi il loro stato d’animo, questo ci renderà più abili nel trattare con gli altri e quindi diventare più “grandi.”

6. Ridere/Sorridere, (il cliente non ama le persone scostanti) essere sorridenti e solari, ridere al mondo, alla nuova giornata, ridere per una nuova occasione, ridere con la felicità nel cuore, sorridere/ridere almeno tre volte al giorno ci migliora la giornata, lo stato d’animo, il nostro atteggiamento e quello degli altri. Sorridere/ridere perché quando ridiamo siamo felici, siamo più belli e più attraenti (l’attrazione determina sintonia e crea feeling).

7. Disponibilità, il Cliente ha l’aspettativa di trovare Commerciali/Persone disponibili e in armonia con se stessi. Questo deve essere un nostro stato di essere per poter dare un servizio di qualità, efficiente, concreto e di buona immagine. Spesso ci lasciamo influenzare dalle difficoltà economiche, dai rapporti con gli altri, da livelli di tolleranza nei confronti di cose o persone. Non dobbiamo permettere che le circostanze influiscano su ciò che vogliamo fare o sul nostro IO, sul nostro stato d’animo, sul nostro atteggiamento, sulla nostra personalità ed infine sui rapporti con gli altri. Questo non deve giungere come un messaggio di indifferenza verso cose o persone, ma deve farci capire che forse il nostro destino ha un’altra strada e che a volte basta seguire la voce del nostro istinto ed abbandonarci alla “tempesta” per sapere se possiamo volare alto e dove ci può portare il nostro volo; sopprimere desideri o ambizioni e come tagliarsi le ali e non sapere mai se potevi volare alto. Queste Persone si trovano davanti ad una vita di rimpianti “se solo avessi fatto, se solo avessi osato, se solo avessi dato ascolto, se solo…..

Il messaggio è solo uno!

Vivi come Vorresti Vivere se Vuoi Vivere Veramente.

8. Essere Forti, il momentaneo insuccesso non ci abbatterà se avremo una Forte Motivazione.

Cose spettacolari accadono perché non sanno di essere impossibili

Come un bumerang siamo magneti viventi, attiriamo esperienze, persone e situazioni secondo le vibrazioni che emaniamo

La consapevolezza della regola 80/20 

Il principio di Pareto viene anche chiamato “legge 80/20”

Indipendentemente da come si decida di chiamarlo all’inizio del 20° secolo Vilfredo Pareto ingegnere, sociologo ed economista, condusse una ricerca che riguardava la suddivisione del patrimonio popolare in Italia. La ricerca di Pareto diede come risultato che un quinto, ovvero il 20% dei cittadini italiani, disponeva di circa l’80 % della ricchezza.

Pareto ne dedusse perciò che sono il 20% degli Italiani ad essere tanto efficienti da ottenere 80% dei profitti.

Questa filosofia ancora ad oggi rappresenta l’unico vero parametro di Efficienza

E’ il 20% delle azioni studiate con conoscenza che determina l’80% dei risultati e viceversa, su questa filosofia diventata regola, potete sbizzarrirvifacendo delle ricerche sul web

Il mercato

Credo siamo tutti d’accordo che ci muoviamo in un mercato eterogeneo, complicato e sovraffollato.
In una simile cornice, dove tutto è già o quasi presente, comunicare, emergere e farsi scegliere diventa sempre più difficile.

Da un lato, si moltiplicano i bisogni che chiedono di essere soddisfatti, dall’altro, quando finalmente si aprono nuove opportunità, riuscire a vendere un prodotto o un servizio, sembra essere un’impresa immane.

Nice offre l’oppurtunità di un prodotto e di una formazione che mette tutti nella condizione di proporsi con Successo.

Fattori della vendita

  1. Testo in testa: si! è necessario essere preparati su ciò che stiamo per proporre e su eventuali domande che il nostro interlocutore potrebbe fare, possiamo essere molto preparati e conoscere benissimo tutte le fasi che costituiscono la nostra proposta e pure davanti al possibile Cliente ci troviamo a raccontare una storiella imparata a memoria; Venditori tecnici: venditori che spiegano tecnicamente il contratto ma non concludono. Abbiamo un programma con dei servizi che soddisfano a pieno le esigenze del nostro interlocutore; bene! noi dobbiamo essere capaci di incanalarli in un colloquio sensato pratico che fa leva su quelli che sono i bisogni del nostro potenziale Cliente. Per essere bravi e raggiungere gli obiettivi è importante capire i bisogni del nostro interlocutore, ciò consentirà di usare un unico metro per realizzare un abito diverso per ogni nostro Cliente, questo è il vero venditore.

  2. Atteggiamento positivo interiore (API): l’atteggiamento è l’elemento che fa la differenza tra concludere o fallire in qualsiasi compito, molte persone somatizzano tutto ciò che gli capita facendo si che le proprie esperienze influiscano sulle decisione future, altre persone usano tutto il proprio vissuto come esperienza per creare le circostanze volute e realizzare i propri obiettivi. Le dinamiche sono sempre come un bicchiere, chi lo vede mezzo vuoto chi invece esclama dicendo… in parte è pieno! Prima di  uscire per fare attività farsi sempre un’iniezione di buon umore…. nel caso contrario, quel giorno fate altro…..

  3. Abbigliamento: essere troppo eleganti o esibire etichette può far sentire il nostro interlocutore a disagio o farci apparire fuori luogo, (ricordiamoci che il nostro Cliente è nel posto di lavoro e spesso ha un abbigliamento pratico) si suggerisce di essere di tendenza e indossare capi di buona qualità, di certo non pensiamo di parlare di soldi, di crescita, di marketing ed indossando pantaloncini e ciabatte; siamo moderati.


  4. Perseveranza: non mollare mai con molta semplicità a volte il Cliente che ci fa investire un po di più tempo è quello migliore perché rinnova e spesso parla con i suoi colleghi di noi, del resto non possiamo pretendere che qualcuno “oggi” ci stacchi un assegno dopo una conversazione di 20/30 minuti….

  5. Time management: quando siamo dal Cliente è necessario conoscere bene tutti gli appuntamenti della settimana e conoscere la nostra disponibilità, così se dobbiamo fissare un nuovo appuntamento abbiamo tutto sotto controllo (situazione in cui fate una buona impressione); tirare fuori il planning potrebbe essere poco professionale perché il Cliente potrebbe notare nomi di altri Clienti o forse il nome della concorrenza….. PS organizzare la settimana è gratificante, motivante e ci rende appagati e professionali….

  6. Inappropriato: fare colloqui per telefono o parlare dettagliatamente delle nostre strategie di vendita in ambienti inappropriati vi fa ottenere solo degli “interessante”….. ma nessuna conclusione. Sono appropriati le sedi delle aziende che vogliamo visitare,  gli uffici dei titolari…. luoghi dove possiamo concludere il contratto. Tutto il resto è una perdita di tempo e la buona possibilità di bruciare i nostri contatti.


  7. Appropriato: qualcosa di appropriato deve essere detta in determinate circostanze. Nel caso vi troviate in una situazione in cui dovete accennare al programma o un vostro cliente ha fatto passaparola, come rispondere/ intervenire per dare una informazione compiuta. Collaboro con la Nice che gestisce un programma innovativo ed efficace che ti aiuta le aziende ad aumentare le vendite. Continuare dicendo: io giorno ….. sono in zona… se ci vediamo 20 minuti ti spiego come funziona, giorno…… ti trovo? allora ci vediamo… confermare la data. Se escono ulteriori domante (possibile…), rispondere per informazioni generali. Tutte le aziende che fanno parte del circuito hanno aumentato le vendite… Quando ci vediamo ti faccio vedere come è valido questo programma…. se dominate la conversazione spostatela su altri aspetti oppure salutate dicendo che avete un impegno, altrimenti vi accollate una domanda su dopo l’altra. Vi raccomando di non continuare a parlare del programma perchè se soddisfate la sua curiosità non concluderete mai. L’obiettivo di un dialogo di vendita deve essere quello di concludere. Come insegna la saggezza Greca, Le parole non riemino la pancia.

  8. Fortuna: qualcuno dice che occorre fortuna…. come se questa dovrebbe essere trasportata da un astro celeste. Come avere fortuna? se ci poniamo le giuste domande e mettiamo tanta dedizione in ciò che facciamo e se ciò che facciamo lo facciamo BENE  (con convinzione, con entusiasmo, con empatia) la fortuna ci viene all’incontro perché la troviamo sulla nostra strada, quella strada che NOI abbiamo deciso di percorrere fino in fondo.

Filosofie

La decisione che dobbiamo prendere ogni giorno è di essere di buon umore e di non avere pregiudizi su ciò che ci circonda o sulle relazione


Se pensi a quanto siamo fortunati ed a tanti che non hanno nulla… neanche la libertà di pensiero…. essere di buon umore diventa facile!

Il Cambiamento

In fase di inserimento

Costruiamo buone abitudini e facciamoci guidare

Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria (Newton)

Cosi come cattive abitudini ci portano alla demotivazione e quindi al fallimento cosi le buone abitudini ci avvicinano ai nostri obiettivi, ci danno conferme, ci motivano e ci conducono al successo.

Per cui costruiamo buone abitudini e facciamoci guidare…

A presto con tanti, tanti risultati

Formation Day di Nice